Tipologie di cultivar

Riportiamo in questa breve descrizione le tipologie di cultivar presenti nel mostro oliveto. L'olio extravergine prodotto risulta quindi un blend tra le varietà di Leccino, Carboncella e l'Oliva Dolce, chiamata comunemente Raja.

 Leccino

Probabilmente di origine toscana, il Leccino è una delle cultivar di olivo più ampiamente diffusa nel territorio italiano, ma le sue caratteristiche ne hanno facilitato una certa fortuna anche all'estero. La sue grandi resistenza alle avversità principali e capacità d'adattamento a più terreni, sono i connotati che hanno determinato principalmente il suo gran successo e apprezzamento. Pianta di taglia medio grande, la chioma è espansa fitta, mentre i rami hanno cime risalenti. L'infiorescenza è piuttosto corta e con fiori mediamente numerosi e grandi. La produttività è piuttosto costante. Resa in olio media: 18-21%. L'olio, giallo dorato con riflessi verdi, è di ottima qualità ma, per alcuni, senza particolari picchi aromatici; dal sapore fresco, poco fruttato, leggermente amaro e piccante; alcuni vi scorgono note di erbe aromatiche (basilico, menta), cicoria, lattuga, carciofo e mandorla. 

Carboncella

Cultivar di origine marchigiana, presente soprattutto nelle province di Ascoli Piceno e Macerata. Oggi è estremamente diffusa in Sabina, rappresentando la cultivar di maggiore importanza. Albero di media vigoria a portamento assurgente. Chioma poco voluminosa a media densità. Mediamente resistente al freddo, all’occhio di pavone e alla rogna. Molto resistente alla siccità, si adatta a terreni poco profondi e aridi. La produttività è elevata e costante, come la resa al frantoio (18-20%). L'olio si presenta fruttato e armonico, amaro e pungente, di colore verde intenso con buon contenuto di polifenoli e clorofille. 

Raja (Oliva Dolce)

Pianta che si adatta condizioni climatiche e pedologiche diverse. I rami fruttiferi hanno portamento eretto e la gemma terminale si può evolvere anche a fiore. L'epoca di fioritura è tardiva e spesso è segnalata nella mignola la presenza di fiori soprannumerari. La produttività è media e alternante. La maturazione dei frutti è precoce. Le drupe presentano un'elevata resistenza al distacco e sono sensibili agli attacchi della mosca. Il contenuto in olio è medio. Il rapporto polpo/nocciolo corrisponde a 4,7 ed i frutti sono anche utilizzati per la produzione di olive nere essiccate. In letteratura è stata segnalata una particolare tolleranza al cicloconio e alla rogna. Questa cultivar è risultata sensibile a condizioni di limitata disponibilità idrica, mentre ha manifestato una particolare resistenza al freddo.

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6

Contatti

 Per maggiori informazioni o per raggiungerci

 clicca qui